mercoledì 9 agosto 2017

Nessun albero è stato abbattuto per questo ritratto.

A una prima impressione, quello che vedete qui sopra può sembrare una buona riproduzione su carta della fotografia di George Mayer che vedete in fondo al post.
E in parte, è davvero così, perché alcune delle sue parti sono state effettivamente realizzate a mano, con una vera matita di vera grafite su vera carta, per quanto non riesco (ancora) a capire bene in che modo e secondo quale logica questo dovrebbe qualificare il ritratto qua sopra rispetto uno eseguito quasi interamente con Photoshop (come, in effetti, è).

Credo che esistano ancora parecchi pregiudizi secondo i quali, se una roba è fatta con l'ausilio di un computer e di un software, allora non vale nulla o – comunque – vale meno che se (la stessa persona, badate bene) l'avesse realizzata attraverso media tradizionali, come carta, matite, pennelli, eccetera.
Anche perché le mie ore di sbattimento sul Mac ce le ho investite, sappiatelo.

Domenica scorsa ho pubblicato la prima, e nei prossimi giorni ve ne farò vedere altre.
Se avete un'opinione in merito, mi farebbe piacere sentirla.

2 commenti:

Ariano Geta ha detto...

Forse solo i capelli mantengono qualcosa di fotografico, il busto della modella sembra davvero fatto a matita.

Izzy Fortune ha detto...

1) Perché su carta è unico, tangibile
2) perché sarebbe un lavoro di artigianato senza undo. Puoi anche fare correzioni su carta, ma sono notevolmente limitate di numero se non vuoi che si veda, e poi vuoi mettere la rottura di cancellare invece di ctrl-z? Il che alla fine significa che molti degli errori che su pc correggeresti, su carta li lasci. Il che alla fine significa un'opera meno perfetta, più singolare, più umana.
3) perché tra poco anche le ai saranno in grado di disegnare, quindi l'unica cosa che distinguerebbe un tuo lavoro da quello di un ai sarebbe proprio la manualità che ci starebbe dietro
4) perché vedere un'opera realizzata completamente alla vecchia maniera mi fa venire voglia di imparare a disegnare. Mentre se so che è in qualche modo photoshoppata, meh
5) semplicemente perché, perché? Voglio dire, che senso ha usare il pc per simulare la matita? A me piace da matti la grafica vettoriale, per dire, e ha un suo perché. Far fare al pc quello che sa fare meglio. Al contrario, simulare una tecnica manuale, per poi renderla priva di imperfezioni grazie al software, è come far fare a un robot antropomorfo una scultura e dire che è "fatta a mano" (perché in effetti il robot avrebbe le mani e le avrebbe usate per scolpire).
6) perché avrei voluto comprare quel ritratto per mille bilioni di dollari. Ma siccome è solo un file, fottesega.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...